Approfondimenti

Le schede presenti in questa sezione forniscono una lettura aggiornata dei vari aspetti che caratterizzano la giustizia minorile e l’esecuzione penale.

Prefazione

Guardiamo oltre. Ma oltre dove? Oltre tutto quello che la giustizia penale minorile italiana ha saputo fare negli ultimi tre decenni, oltre gli indiscutibili successi, oltre quel residuo di carcere che pur esiste e che racchiude quel nocciolo di fallimento per cui non è stato possibile trovare percorsi alternativi alla detenzione. In questo Rapporto dedicato ai ragazzi detenuti e alle ragazze detenute negli Istituti Penali per Minorenni italiani manca la notizia clamorosa, quella che da sola condiziona l’indagine, ne caratterizza…

0
Leggi tutto

Numeri degli IPM. Il carcere come extrema ratio

Il sistema della giustizia minorile italiano, nella sua struttura attuale, e mentre ne attendiamo la riforma, presenta aspetti di grande interesse per chi come noi è attento al tema dei diritti e delle garanzie nel sistema penale. A cominciare dal processo penale stesso, interamente ridisegnato dal DPR 448/88 attorno all’interesse prevalente dell’imputato, in questo caso minore, per proseguire con il sistema delle misure di comunità, che ne includono una radicale ed innovativa (nonché di notevole successo, come illustrato altrove in…

0
Leggi tutto

I minori stranieri nel nostro sistema di giustizia penale

Muovendo dalla precedente esposizione dei dati sulla popolazione detenuta minorile emerge chiaramente come un’attenta osservazione del sistema giudiziario minorile italiano non possa prescindere da un’analisi del fenomeno dei minori stranieri detenuti. Ciò che i dati ci mostrano, infatti, è una composizione della popolazione dei servizi minorili di carattere detentivo che sembrerebbe riflettere, da una parte, la stratificazione sociale del nostro Paese e, dall’altra, l’allarme sociale diffuso nell’opinione pubblica intorno a gruppi specifici di popolazione; questo si traduce in una presenza…

0
Leggi tutto

Trent’anni di messa alla prova

Sono trascorsi poco meno di trent’anni dall’ingresso della ‘messa alla prova’ nell’ordinamento penale minorile italiano. L’istituto della sospensione del processo e della relativa messa alla prova ha costituito una delle innovazioni giuridiche e culturali che più hanno caratterizzato in senso non repressivo e custodiale la giustizia minorile. È stata un’intuizione di tipo non formale che ha permeato di sostanzialismo anti-punitivo una giustizia che nel nome della legalità è invece troppo spesso standardizzata. Il legislatore, valutando positivamente il suo impatto nella…

0
Leggi tutto

In giro per le carceri minorili d’Italia

L’osservazione diretta è funzionale a conoscere, a far conoscere, a trasformare l’oggetto osservato. Negli ultimi mesi abbiamo visitato un numero significativo di Istituti Penali per Minorenni. Abbiamo osservato i luoghi, la vita, il linguaggio, i ragazzi reclusi, il personale che a vario titolo lavora in carcere. Individuare una tendenza comune è possibile, seppur non sia facile e presenti un rischio di valutazioni approssimative. Un carcere minorile non è un carcere per adulti. Chi conosce l’universo penitenziario delle persone ‘grandi’ ben…

0
Leggi tutto

Azione – reazione. Eventi critici e sanzioni penali negli IPM

Due tematiche importanti riguardanti gli istituti di pena sono rappresentate dagli eventi critici e le sanzioni disciplinari. In particolare gli eventi critici sono definiti come atti che mettono “a rischio la propria o altrui incolumità e più in generale la sicurezza all’interno degli istituti penitenziari”. Per questo motivo rientrano negli eventi critici sia gli episodi di autolesionismo che di episodi di violenza, fra loro di natura molto diversa. Le sanzioni disciplinari per i minori sono le stesse che vengono applicate…

0
Leggi tutto

L’istruzione negli Istituti penali per minorenni

L’istruzione, al pari del lavoro, della religione, della attività culturali, ricreative e sportive, costituisce uno degli elementi per l’attuazione del trattamento rieducativo in carcere. Nei confronti dei minorenni e dei giovani adulti reclusi negli Ipm, l’istruzione svolge una funzione particolarmente importante anche nel portare a una presa di coscienza e nell’emancipare il ragazzo da scelte devianti. Corsi scolastici, nonché attività professionalizzanti, possono condurre i ragazzi verso nuove strade, allontanandoli in tempo da percorsi e attività criminali. Attraverso la scuola e…

0
Leggi tutto

Minori stranieri a processo. La difesa e la sfida della mediazione sociale

In questo capitolo cercheremo di riportare quanto da noi direttamente osservato, nella nostra veste di avvocati che si trovano a lavorare nel sistema della giustizia minorile, rispetto alle difficoltà peculiari che il minore straniero molto spesso deve affrontare, tanto al momento della fase processuale quanto durante l’esecuzione di una misura penale, se paragonate a quelle del minore italiano o del minore comunque maggiormente tutelato da un punto di vista sociale. Il nostro luogo di osservazione ci ha permesso di farci…

0
Leggi tutto

Adolescenti in trappola. Stranieri nel circuito della Giustizia minorile

Introduzione I giovani stranieri formano, ormai da molti anni, una parte consistentedella popolazione minorile maschile e femminile ospite degli Istituti di pena. I Paesi di provenienza sono soprattutto quelli nordafricani e dell’Europa orientale (Romania, Bosnia-Erzegovina). La presente indagine si sofferma in special modo su due categorie particolarmente vulnerabili da un punto di vista sociale: i minori stranieri non accompagnati (Msna) e i rom e sinti. I minori stranieri non accompagnati, al di là delle molteplici realtà di cui sono espressione,…

0
Leggi tutto

Il processo penale minorile tra Direttiva europea e proposte di riforma

Nel maggio 2016 il Parlamento europeo e il Consiglio d’Europa hanno approvato una Direttiva per le garanzie procedurali dei minori sospettati o accusati nei procedimenti penali. L’obiettivo della direttiva era stabilire dei diritti e dei sistemi di tutela necessari e inderogabili nel momento in cui dei minori siano coinvolti a livello penale, in quanto categoria particolarmente vulnerabile. Si tratta di un’iniziativa importante: la direttiva europea presenta l’obbligo di adozione per tutti gli Stati membri entro 36 mesi, e mira esplicitamente…

0
Leggi tutto

Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Sono passati quasi trent’anni dall’approvazione della Convenzione dei diritti del fanciullo da parte delle Nazioni Unite ma la sua attualità non è mai venuta meno.  A differenza di tutti i testi precedenti in materia di infanzia, la Crc (acronimo del nome inglese della Convenzione, ovvero Convention on the Rights of the Child) sfugge per la prima volta alle precedenti visioni paternalistiche dell’infanzia e assegna ai bambini e agli adolescenti dei diritti propri in quanto esseri umani; ai vecchi concetti di…

0
Leggi tutto

Stranieri negli IPM. Successi e criticità del percorso educativo

Introduzione L’analisi che segue si fonda su una serie di capillari informazioni, tanto quantitative quanto qualitative, raccolta mediante un questionario da noi elaborato insieme all’associazione Antigone e somministrato alle direzioni dei sedici Istituti Penali per Minorenni italiani. In particolare, ci concentreremo sulle risposte alle domande che hanno riguardato la partecipazione degli ospiti stranieri alle attività scolastiche e culturali e il ruolo giocato da fattori di diversa natura che l’attuazione di un progetto educativo chiama in causa. Una parte dei risultati…

0
Leggi tutto

Allargare la rete, ridurre l’utenza. La giustizia minorile in Inghilterra e Galles

Per comprendere il sistema italiano della giustizia minorile in tutta la sua portata, è sempre utile dare uno sguardo a quanto accade in altri Paesi. Abbiamo scelto di guardare qui alla giustizia minorile dell’Inghilterra e del Galles visto lo spazio che la separa da quella italiana in termini di impianto complessivo e di scelte di intervento e vista la conseguente capacità che una tale considerazione potrà avere nel far risaltare i contorni del sistema italiano. Il sistema giudiziario minorile britannico…

0
Leggi tutto

Conversazione con Gemma Tuccillo

Dalla metà del marzo 2017, Gemma Tuccillo è alla guida del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità. Pochi giorni dopo, il 10 di aprile, era già con noi al convegno organizzato da Antigone dal titolo “Che fine hanno fatto gli Stati Generali? Carceri e misure alternative: cosa si è fatto, cosa non si è fatto, cosa si poteva fare”. E in quell’occasione ha raccontato il suo modello di giustizia minorile e quel che si aspetta dalla prossima, attesa…

0
Leggi tutto

Conversazione con Cristina Maggia, giudice minorile

Cristina Maggia, da molti anni alla guida della Procura dei minori di Genova, è stata da pochi giorni nominata presidente del Tribunale dei minori di Brescia. Impegnata nell’Associazione Italiana Magistrati per i Minorenni e la Famiglia (Aimmf), di cui è vicepresidente, è uno di quei giudici minorili che lasciano il segno e che interpretano nella maniera più elevata il proprio ruolo. Ho avuto personalmente l’onore e il piacere di lavorare con lei al tavolo degli Stati Generali dell’esecuzione penale dedicato…

0
Leggi tutto

Conversazione con Mario Tagliani, docente all’IPM di Torino

Sono quasi 35 anni che Mario Tagliani insegna al Ferrante Aporti di Torino. Non esisteva ancora in Codice di Procedura Penale minorile quando cominciò a muoversi tra i banchi scolastici dell’Ipm. La sua storia, gli incontri, i successi e i fallimenti, le bellezze dei ragazzi e i loro dolori li ha raccontati nel libro “Il maestro dentro”, uscito nel 2014 per Add Editore. Abbiamo conversato con Tagliani nel tentativo di capire più a fondo la sfida dell’istruzione in un carcere…

0
Leggi tutto

Conversazione con Angelo Mammana, Direttore del CPA di Roma

Angelo Mammana è il direttore del Centro di Prima Accoglienza di Roma, incarico che ricopre da quasi 30 anni. I Cpa sono istituzioni che fanno parte dei servizi minorili della Giustizia. Sono le strutture dove i ragazzi appena arrestati o fermati vengono condotti in attesa dell’udienza di convalida e dove possono permanere per un massimo di 96 ore. Direttore Mammana, i Cpa sono luoghi che giocano un ruolo molto importante nel percorso di un minore privato della libertà. Per capirli…

0
Leggi tutto
Ragazzidentro.it