RAGAZZI DENTRO
Osservatorio sugli Istituti Penali per Minorenni
Immagine header

RAGAZZI DENTRO > RAPPORTO 2017 > ISTITUTI PENALI PER MINORENNI > PONTREMOLI

PONTREMOLI

ISTITUTO PENALE PER MINORENNI FEMMINILE DI PONTREMOLI (MS)

Video - Guardiamo Oltre - Istituto penale per minorenni di Pontremoli
Guardiamo Oltre - Istituto penale per minorenni di Pontremoli
Struttura
L’Istituto Penale per Minori di Pontremoli è un istituto esclusivamente femminile. È stato inaugurato a dicembre 2010 all’interno di una struttura degli anni Venti che in precedenza aveva ospitato una Casa Mandamentale e una Casa Circondariale femminile. La dimensione contenitiva della struttura è stata parzialmente attenuata da interventi recenti che hanno portato alla rimozione di alcuni blindi; tuttavia la destinazione originaria dell’istituto è visibile nella grande quantità di sbarre, blindi e muri che accentuano una dimensione custodiale tipica delle carceri per adulti.
L’Istituto dipende dal Centro Giustizia Minorile di Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Massa-Carrara. È il luogo di destinazione di tutte le minori arrestate nel Centro-nord. Nel corso del 2016 la presenza media è stata di 16 ragazze, coincidente con la capienza prevista.
L’attuale organizzazione dell’IPM è contraddistinta da una forte impronta educativa e da una consistente propensione all’esterno. Molti i progetti prevedono il coinvolgimento del territorio e occasioni educative fuori dall’Istituto: in occasione di una festa medievale estiva, “Medievalis”, le ragazze dell’istituto hanno la loro bancarella; durante il premio Bancarellino, dedicato alla letteratura per ragazzi e che segue il più noto Bancarella, le ragazze dell’IPM formano una delle giurie, leggendo i testi con gli educatori e valutandoli. Dopo la premiazione il vincitore legge il testo all’interno dell’IPM. Ogni anno in autunno ha poi luogo uno spettacolo teatrale, per il quale attori dall’esterno svolgono le prove in istituto assieme alle detenute. In seguito la compagnia mista si esibisce al teatro comunale. Negli ultimi due anni è stata creata una rete di volontariato grazie alla connessione tra l’istituto e due associazioni di cui una, denominata “Ponti Aperti”, è nata appositamente per essere al servizio delle giovani
Fotografia -
dell’IPM.
I rapporti istituzionali, sia con gli Enti Locali che con la Azienda sanitaria locale, sono continui, agevolati anche dalla limitatezza del territorio di prossimità (Pontremoli è una cittadina di circa 6000 abitanti).
L’istituto si trova al ridosso del centro di Pontremoli, cittadina piuttosto isolata rispetto ai grandi centri urbani. Dal centro l’istituto è facilmente raggiungibile a piedi, e si presenta in discrete condizioni di manutenzione. Al piano terra si trovano uffici e servizi per il personale, oltre a una cucina professionale attrezzata dove i pasti vengono cucinati giornalmente da una cuoca professionista e che può essere usata come spazio per attività formative. Al primo piano si trovano in un’unica sezione le 5 camere detentive (4+1 per l’isolamento sanitario), che presentano un buon livello di vivibilità malgrado una certa vetustà. Sono stanze da circa 25 metri quadri che ospitano tra i 4 e i 5 letti. Gli spazi comuni, situati al secondo piano, sono in buone condizioni: ci sono una palestra attrezzata nuova, un’aula scolastica, il refettorio, un piccolo spazio polivalente ed una biblioteca che funge anche da seconda aula scolastica. All’esterno c’è un unico passeggio, un lungo cortile situato tra il corpo dell’edificio ed il muro di cinta cui è stata rifatta la pavimentazione con erba sintetica e su cui sono stati messi dei gazebo, in assenza di una vera e propria area verde. All’interno dell’istituto c’è quasi sempre almeno un bambino di età inferiore ai tre anni.
Da notare la possibilità di accedere a skype dall’istituto, il che permette alle ragazze detenute di vedere i propri figli all’estero. Il colloquio su skype è sostitutivo delle telefonate (e non dei colloqui). 
 
Detenute
Il 21 novembre 2017 risiedevano in istituto 16 ragazze: di queste 7 erano italiane e 9 straniere (7 comunitarie e 2 extracomunitarie). 10 erano minorenni.
La presenza media giornaliera in istituto è di 15,9 ragazze, mentre l’ingresso stabile in istituto (compresi i trasferimenti tra IPM) ha riguardato 68 ragazze.
Le ragazze sono quindi principalmente minorenni (fascia 14/18: 10 unità, 18/21: 5 unità, 21/25 1 unità).
Posizione giuridica: 
In misura cautelare:10
Definitive: 6
Reati
I delitti commessi dalle detenute nell’IPM al 15 luglio 2017 sono quasi tutti relativi a reati contro il patrimonio: sono complessivamente 53: nella maggior parte dei casi si tratta di furti. La frequenza delle violazioni di altro tipo è estremamente bassa. 
I dati relativi al 2016 mostrano una situazione analoga, con 101 delitti contro il patrimonio (in particolare furti e rapine) su un totale di 117 delitti a carico delle detenute. Gli altri delitti riguardano reati contro la persona, contro lo Stato, contro l’incolumità pubblica o di altro genere. 
Ingressi nell’IPM
Nel 2016 gli ingressi complessivi sono stati 85, dei quali 16 di ragazze italiane e 79 di straniere. 
Il numero più alto di ingressi ha riguardato il gruppo di minorenni tra i 16 e i 17 anni (31); di poco inferiore quello delle giovani adulte della fascia d’età 18-20 anni (28). Numeri molto più bassi hanno invece riguardato gli ingressi delle minorenni tra i 14 e i 15 anni (11) e delle giovani adulte tra i 21 e i 24 anni (15). 
Al 21 novembre 2017 ci sono stati 74 ingressi: 3 (dai 14/15 anni), 6 (16/17), 6 (18/20), 1 (21/25).
Uscite dall’IPM 
Nel 2016 le uscite dall’istituto per permesso sono state 81, per 10 detenute. 
Al 21 novembre 2017, le uscite in permesso rispetto allo scorso anno risultano essere in aumento, dal momento che sono state registrate 94 uscite per permesso per 15 detenute. 
Al 21 novembre 2017 si sono registratedue uscite per applicazione di detenzione domiciliare (Art. 199 OP) e 3 per Affidamento in Prova al Servizio Sociale (art. 47 OP).
Photogallery
Sfoglia photogallery
GALLERIA FOTOGRAFICA
Scuola, lavoro e attività
Sono presenti un corso di alfabetizzazione e uno di scuola media. All’occorrenza vengono attivati corsi di recupero ad hoc per ragazze iscritte alle scuole superiori.
Per l’anno scolastico 2017/2018 sono iscritte alla frequenza scolastica undici giovani. 
Attività educative 2016/2017: laboratorio teatrale, laboratorio del riciclo, manufatti, danza, parrucchiera e cura del corpo, musicoterapia, giornalino d’istituto, sartoria, estetista, addestramento cani, pugilato formativo, autobiografia, kokedama, informatica, rilegatoria, 
Partecipazione ad eventi sul territorio: Medievalis (festa di Pontremoli), progetto teatrale, Premio Bancarellino, incontri su disturbi alimentari ecc.
 
L’assistenza religiosa è assicurata dal cappellano cattolico e, su richiesta delle giovani, da ministri di culto di altre confessioni (Islamica, cristiano ortodossa ecc.).
È presente un servizio di mediazione culturale che effettua sia interventi individuali (a seconda delle provenienze delle ragazze) che di gruppo (approfondimenti di temi legati all’interculturalità gestiti da un etno-psicologo).
 
Eventi critici
Gli eventi critici segnalati dall’istituto nell’anno 2016 e nell’anno 2017, fino all’8 novembre risultano essere:
-    per l’anno 2016, un totale di 2 eventi critici:
-    1 tentativi di suicidio
-    1 altro evento
-    per l’anno 2017, fino all’8 novembre, risultano esservi stati 3 eventi critici:
-    2 tentativi di suicidio
-    1 atto di autolesionismo